La percezione del colore

mariagrazia

La percezione del colore è una sensazione visiva dovuta alla stimolazione della retina da un’energia radiante, con una determinata lunghezza d’onda compresa in uno spettro. Le onde più lunghe corrispondono al colore rosso, le più corte al violetto e tutti gli altri colori corrispondono alle onde comprese nello spettro.

Le caratteristiche che definiscono il colore sono: la tonalità, la saturazione e la luminosità.
La tonalità (chiamata comunemente: colore) è la quantità cromatica della sensazione luminosa (ad esempio il giallo, il blu, ma anche il grigio). I toni cromatici sono ad esempio il giallo, il blu ecc… I toni acromatici sono il bianco, il grigio e il nero.
La saturazione definisce il contenuto di un colore, infatti ogni colore può essere più o meno ricco, denso.
La luminosità, invece, dipende dallo stimolo e varia in base alla lunghezza d’onda. Ad esempio il giallo ha un’onda più lunga del blu e quindi risulta più luminoso.
La disposizione dei colori nell’arcobaleno, coincide con la disposizione che i colori assumono scomposti dalla luce bianca nello spettro solare.

Se desideri approfondire, avere chiarimenti o informazioni su questo argomento, puoi contattarmi come indicato nella pagina dei Contatti.